nom_img

La garanzia delle migliori offerte con i tassi più bassi del mercato.

Un servizio
gratuito e senza impegno.

nom_img

Ci impegniamo a proteggere i tuoi dati personali.

1. CONFRONTA

2. SCEGLI

3. RISPARMIA

Cos’è la cessione del quinto dello stipendio o della pensione?

La cessione del quinto è una specifica forma di finanziamento a tasso fisso che permette di rimborsare il prestito a rate costanti, prelevate direttamente dallo stipendio o dalla pensione del debitore.


Chi può beneficiarne?

L'intero importo della rata prelevata non può superare un quinto dello stipendio netto o della pensione netta del contraente. Possono beneficiare della cessione del quinto i dipendenti pubblici, statali o di aziende private con un minimo di 16 dipendenti, con contratto a tempo indeterminato, nonché i pensionati di queste stesse categorie.

Come funziona?

Questa rata viene detratta ogni fine mese dalla busta paga o dalla pensione e pagata direttamente al creditore. La cessione del quinto può quindi essere equiparata a un’operazione di “credito al consumo” o “prestito personale” e protegge pertanto il consumatore con diritti specifici in materia di trasparenza bancaria.


* UN CREDITO TI IMPEGNA E DEVE ESSERE RIMBORSATO. VERIFICA LA TUA CAPACITÀ DI RIMBORSO PRIMA DI IMPEGNARTI. Nessun pagamento di qualsiasi natura può essere richiesto a un privato prima di aver ottenuto uno o più prestiti. Quando un’operazione creditizia comporta una riduzione delle rate mensili, può tradursi in un prolungamento della durata del prestito e aumentarne il costo totale. Consulta l’elenco dei nostri partner bancari.

Importo minimo del prestito : 1.000 € / Importo massimo del prestito: 60.000 € / Durata minima del prestito: 12 mesi / Durata massima del prestito: 120 mesi. Esempio: TAN fisso a partire da 3,75% / Importo messo a disposizione del consumatore: 25.000 € / 120 rate mensili da 282,77 € / TAEG 6,61%. Importo restituito: 33.932.40 €.
Il TAEG massimo è di 8,20%; tuttavia questo non comprende i costi relativi all'assicurazione rischio vita e rischio impiego, essendo una quota variabile in base, prevalentemente, all'età del richiedente. Quindi, solo in sede di preventivo sarà possibile determinare esattamente il TAEG reale dell'operazione. Il totale non può superare il 25%.